Tratto da una “discussione” animatasi all’interno di un mio post di facebook…diamo qualche delucidazione in più:

La bella di notte è un fiore notturno, ciò significa che i suoi fiori si aprono all’imbrunire. Il suo significato è correlato a questa sua caratteristica: nel linguaggio dei fiori esso significa infatti “timidezza”. Il fiore che allieta le notti di tutti gli uomini insonni perché li attende sveglio d’estate quando non riescono a prendere sonno: le belle di notte.

A livello terapeutico, combatte virus e febbre. Incantevole anche per la sua fragranza, così delicata da sprigionare sensazioni di tranquillità e pace. Fiori e radici possono essere utilizzate come afrodisiaci, mentre i piccoli semi neri e coriacei, a forma d’uovo, sono tossici e non vanno ingeriti. in Amazzonia, l’antica medicina degli sciamani, prescriveva di consumare la polvere ricavata macinando i suoi semi essiccati per combattere febbre e infezioni. Uso Esoterico: da utilizzare i fiori per filtri, profumi e oli afrodisiaci, per l’incanto, l’amore e la seduzione. Fiori e radici essiccate anche per uso incenso in operazioni adatte alla seduzione.

ASSOCIAZIONE PLANETARIA: Luna e Venere

Ovviamente è una pianta lunare quindi indicata per i sogni , oniromanzia, viaggi astrali anche se non è una sua prerogativa…La bella di notte è ottima per altri usi rituali e produzione di oli, unguenti, incensi atti a lavorare sul femminile, le emozioni, l’inconscio e le paure più profonde e celate (Luna) ma , come abbiamo visto in precedenza, il suo odore è afrodisiaco seppur lieve quindi accoppiando il profumo venusiano alle emozioni e il femminile lunare si può usare negli incanti d’amore, negli avvicinamenti , nella seduzione e per far riavvivare le emozioni, romantiche e affettive.